Stamattina ho trovato su un social questa frase: “Ti deluderanno sempre coloro a cui hai dato più importanza”. Così mi è venuto da pensare che la tal persona non si stava dando la giusta importanza… Ciò deriva dal non aver ricevuto abbastanza attenzione e riconoscimento del proprio valore. E tu, che importanza ti dai? Che valore hai? Hai mai fatto una stima del tuo valore? Ti sei mai chiesto come tu possa misurarlo? Puoi farlo seguendo dei parametri, con rimandi che provengono dalla famiglia e dalla società in cui vivi, secondo le tue convinzioni, create a seguito di certe esperienze…

Non possiamo trascurare che ognuno di noi elabora gli eventi secondo quello che ha già vissuto e le proprie percezioni. Abbiamo difatti dei filtri percettivi che ci permettono di recepire in un determinato modo la realtà esterna, secondo quello che è stato vissuto ed elaborato.

Subito va fatto un distinguo tra chi è cresciuto con genitori presenti e attenti alle necessità dei propri figli e senza rivalità e chi, invece, è cresciuto tra loro con litigi e competizioni. Poi, bisogna anche valutare quelli che sono stati i rimandi di padre e madre.

Ad ogni modo, ciascuno di noi è importante e non gioca a favore pensare e affermare di essere costantemente delusi da coloro cui si è data importanza… Ciò che conta è non esagerare, ovvero non darne troppa, dimenticando se stessi!

Certamente, se si è ancora alla ricerca di sicurezza e di riconoscimento, con lo sguardo supplichevole verso l’altro, con il cuore bisognoso e la mano tesa del mendicante, è difficile sentirsi di valore… Così, diventa necessario valorizzare la propria persona attraverso ciò che si possiede, qualità e talenti. E risaltarli, senza paragonarsi a chi pare avere o essere molto di più. D’altronde, ognuno di noi è un essere a se stante…

Solo nutrendo qualità e talenti, attraverso i bisogni e i desideri che si avvertono, si ha uno sviluppo del proprio valore. Bisogna farlo con naturalezza e senza giudizi o timori per quanto gli altri potrebbero dire.

Alcuni preferiscono restare nell’ombra, temendo di non poter avere il proprio posto al sole. Sei forse stato uno di quelli che ha gareggiato per dimostrarsi migliore, invidiato chi pareva avere di più o auspicato che l’ombra avesse la meglio sul tuo partner o rivale? Come ti ha fatto sentire un tale comportamento, bene, speciale e al sicuro? Ti sei mai confrontato con l’invidia di qualcuno? Hai mai percepito la sua richiesta occulta di metterti da parte per fare spazio alle sue esigenze e richieste? Hai avuto vicino a te qualcuno che voleva sentirsi più importante, mentre sembrava che tu non avessi nulla di speciale?

Ebbene, l’invito che ti faccio è d’iniziare a riconoscere con onestà i tuoi punti forti e quelli deboli, di sviluppare le qualità col fare ed essere semplicemente coerente con te stesso. Vanno cambiate certe convinzioni, come questa: “Ti deluderanno sempre coloro a cui hai dato più importanza”… Non è affatto vero! Ci sono tante persone che sono state aiutate e affiancate da coloro a cui hanno dato importanza.

Comunque, se c’è una particolare convinzione nei propri programmi mentali è ovvio che c’è un motivo di fondo. Pertanto, bisogna indagare quale aspettativa c’è sotto o quale delusione c’è stata…

Un altro modo per acquisire quello che è mancante in noi, è donare all’altro quello che si vorrebbe, disinteressatamente, senza alcuna aspettativa. In tale modo viene nutrito e alimentato quello che richiede attenzione da un po’ di tempo.

Così, in un periodo dove è richiesto di esercitare il diritto di esistere o di essere presenti nella vita comune, con le proprie idee e coi fatti, rispettando l’altro, oggi si possono percorrere due strade. Una è quella dei deboli, che sottostanno a ciò che viene detto da colui che occupa una carica importante, snaturando anche se stessi. Poi vi è quella dei forti, percorsa da coloro che vogliono prima di tutto riporre fiducia in sé stessi, scoprendo le proprie paure e fragilità, traendo consapevolezza da esse, e mantenendo il proprio potere con responsabilità. 

Claudia Mengoli – Coach & Healing – Tras-formazione in Azione!

Foto di Anastasia Gepp da Pixabay 

error: